Quarantotto opere per stabilire, tramite pittura, scultura, modellazione, architettura e tecnologia, un dialogo tra oggi e domani; circa 3500 studenti, appartenenti a scuole di ogni ordine e grado, coinvolti in un percorso creativo durato dodici mesi: sono questi i numeri alla base della “Mostra dei patrimoni del Futuro”, promossa dall’Associazione Italiana Giovani per l’UNESCO in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – Direzione Generale per lo Studente e l’Istituto Caruso di Napoli, nell’ambito del progetto di formazione nazionale “UNESCOEdu – Futuro presente”.

marco lodolaValerio Scanu Benevento